Photo courtesy by Getty Images

Lo stile fashion del primo James Bond

Reading Time: 2 minutes read

Connery ha incarnato il suo famoso personaggio con brio dal momento in cui è apparso in “Dr. No ”(1962). È stato sufficiente per far cambiare idea all’autore di Bond Ian Fleming, che inizialmente pensava di non essere la persona giusta per il ruolo. Eppure Connery avrebbe continuato a interpretare l’agente segreto britannico per i prossimi sei film.

Il costumista di Tenet Jeffrey Kurland, uno dei tanti a cui si è ispirato la star, ha descritto il suo look di Bond come uno che “dura e funziona”. In effetti, nessuno ha fatto sembrare i vestiti migliori di Sean Connery.

Ma non è stata solo una sartoria di buon gusto a trasformarlo in un’icona della moda maschile.

Felpe oversize e t-shirt larghe possono essere all’ordine del giorno, ma a dire il vero queste difficilmente si definiscono “sofisticate”. I suoi numerosi abiti erano opera di Anthony Sinclair, un sarto del Savile Row di Londra.

Sinclair ha creato quello che era noto come “Conduit Cut”, un abito che si stringeva delicatamente in vita. Le sue giacche non esageravano le spalle larghe di Connery, e i suoi pantaloni erano tagliati e affusolati, non stretti, come quelli di Tom Ford che indossa 007 di Daniel Craig .

Per il suo primo film su Bond, Connery ha letteralmente vissuto nei panni di Sinclair; parla del loro livello di conforto che l’attore è arrivato fino a dormire in loro.

Connery doveva essere vestito per uccidere, non per impressionare, e il suo guardaroba sobrio lo rifletteva. Lo stesso Sinclair non credeva nel mettersi in mostra; il sarto non amava lo sfarzo e il fascino delle spalle imbottite, o dettagli che distraggono come i risvolti che erano molto larghi o molto stretti. L’abito, per lui, finiva e cominciava con il taglio.

Qui, ancora una volta, è dove lo stile di Connery è in contrasto con l’abbigliamento maschile moderno, che è disseminato di loghi e stratificato con accessori esigenti come fusciacche e fasce da smoking. L’eleganza sta nella semplicità, che è più sfuggente di quanto si pensi. Invecchia anche molto meglio, come dimostra l’influenza duratura del look di Bond .

Gli abiti di Connery potevano sembrare semplici e sobri, ma avevano anche un fascino inaspettato per l’osservatore con gli occhi d’aquila. Un perfetto esempio può essere trovato nelle sue camicie, che presentavano polsini da cocktail fissati da bottoni invece che da gemelli.

Connery ha anche reso popolare la cravatta di seta lavorata a maglia, un accessorio sorprendente, se non leggermente informale, per i suoi abiti.

Potrebbe aver avuto abiti in cinquanta tonalità di grigio, oltre a blu e marroni occasionali, ma questi erano tutt’altro che noiosi grazie alle loro trame. Alcuni di loro brillavano di seta liscia, mentre altri, fatti di flanella di lana, erano sfocati al tatto.

Sono state sottigliezze come queste, non colori vivaci o motivi appariscenti, a far sì che i fan di Bond prestassero ancora più attenzione al personaggio di Connery.

Questa è una forma d’arte tutta per sé.Nessuno dei suggerimenti di stile di cui sopra avrebbe avuto importanza se Sean Connery non avesse una presenza potente sia dentro che fuori dallo schermo. Alla fine, è stato il suo carisma a parlare. Non è stato soffocato dai suoi vestiti. Invece, hanno completato la sua immagine di fiducia.

Questo è davvero tutto ciò di cui chiunque ha bisogno per avere un bell’aspetto, ma, come il ruolo di Connery nei panni di Bond , ci vogliono anni per padroneggiarlo. Una volta fatto, sarai in grado di sfoggiare diversi look con lo stesso stile con cui l’attore ha interpretato ruoli diversi più avanti nella sua carriera.

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.