Luciferasi batterica

Reading Time: 2 minutes read

Le luciferasi possono essere prodotte in laboratorio attraverso ingegneria genetica per una serie di scopi. Luciferasi geni può essere sintetizzato e inserito in organismi o trasfettato in cellule. A partire dal 2002 , topi, bachi da seta, e patate sono solo alcuni degli organismi che sono già stati progettati per produrre la proteina.

Luciferasi è un termine generico per la classe di ossidativo enzimi che producono bioluminescenza, e di solito si distingue da a fotoproteina.

Il nome è stato usato per la prima volta da. Raphaël Dubois chi ha inventato le parole luciferinaa e luciferasi, per il substrato e enzima, rispettivamente.

Both words are derived from the Latin word Lucifero, che significa “portatore di luce”, che a sua volta deriva dalle parole latine per “luce” (lux) e “portare o trasportare” (ferre).

Le luciferasi sono ampiamente utilizzate in biotecnologia, per microscopia e come geni reporter, per molte delle stesse applicazioni di proteine fluorescenti. Tuttavia, a differenza delle proteine fluorescenti, le luciferasi non richiedono un esterno. fonte di luce, ma richiedono l’aggiunta di luciferinaa, il substrato di consumo.

Nella reazione di luciferasi, la luce viene emessa quando la luciferasi agisce in modo appropriato luciferina substrato. L’emissione di fotoni può essere rilevata da apparecchi sensibili alla luce come a. luminometro o modificato microscopi ottici Ciò consente l’osservazione di processi biologici.

Since light excitation is not needed for luciferase bioluminescence, there is minimal autofluorescenza e quindi fluorescenza praticamente priva di background. Therefore, as little as 0.02 pg can still be accurately measured using a standard contatore di scintillazione.

Nella ricerca biologica, la luciferasi è comunemente usata come reporter per valutare il trascrizionale attività nelle cellule che vengono trasfettate con un costrutto genetico contenente il gene luciferasi sotto il controllo di a promotore di interesse.

Additionally, proluminescent molecules that are converted to luciferin upon activity of a particular enzyme can be used to detect enzyme activity in coupled or two-step luciferase assays. Such substrates have been used to detect caspase attività e citocromo P450, tra gli altri.

Luciferasi può anche essere utilizzata per rilevare il livello di ATP cellulare nella vitalità cellulare saggi o per saggi di attività sulla chinasi.

Luciferase can act as an ATP sensor protein through biotinilazione. La biotinizzazione immobilizzerà luciferasi sulla superficie cellulare legandosi a a. streptavidina-biotina complesso.

Ciò consente alla luciferasi di rilevare l’efflusso di ATP dalla cellula e visualizzerà efficacemente il rilascio in tempo reale di ATP attraverso la bioluminescenza.

Luciferase can additionally be made more sensitive for ATP detection by increasing the luminescence intensity by changing certain aminoacido residui nella sequenza della proteina.

Questa tecnica è stata utilizzata per seguire la tumorigenesi e la risposta dei tumori al trattamento in modelli animali.

Luciferasi è una proteina sensibile al calore che viene utilizzata negli studi su denaturazione proteica, testare le capacità protettive di proteine da shock termico Le opportunità di usare luciferasi continuano ad espandersi.

Fonte Wikipedia

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.