LVMH dona 5 milioni di euro per aiutare il Pasteur Institute

Reading Time: 2 minutes read

LVMH sta donando 5 milioni di euro (8 milioni di S $) all’Istituto Pasteur di Lille , un istituto di ricerca in Francia che cerca di trovare una cura per COVID-19. Attraverso esperimenti di laboratorio, i ricercatori hanno identificato una molecola che sembra essere efficace contro il coronavirus, ha detto l’istituto in una nota. Prevede di avviare studi clinici su larga scala per testarlo come possibile trattamento.

In tutto il mondo, scienziati e ricercatori sono in una corsa contro il tempo per scoprire una cura per COVID-19.

“Di fronte alla pandemia globale, la scoperta scientifica dei ricercatori dell’Istituto Pasteur di Lille suscita enormi speranze per una cura. È fondamentale che questa ricerca possa continuare ed è per questo scopo che ho deciso di fornire supporto per questa fase degli studi clinici “, ha affermato Bernard Arnault, presidente e amministratore delegato di LVMH.

“Sono orgoglioso di questa scoperta che è stata fatta da gruppi di ricerca nel nord, la regione da cui provengo, e spero vivamente che il loro lavoro si concretizzi rapidamente”, ha aggiunto Arnault.

“Di fronte alla pandemia globale, la scoperta scientifica dei ricercatori dell’Istituto Pasteur di Lille fa sperare in una cura enorme. È fondamentale che questa ricerca possa continuare ed è per questo scopo che ho deciso di fornire supporto per questa fase della sperimentazione clinica “. – Bernard Arnault

Sono lieto che il gruppo LVMH si unisca oggi alla nostra cerchia di supporto con una donazione significativa che ci consente di avviare una nuova fase nella nostra ricerca contro COVID-19. In questi tempi difficili e nella lotta che stiamo conducendo, il sostegno è prezioso per i progetti di ricerca della fondazione. Vorrei rendere omaggio all’impegno di Bernard Arnault, della sua famiglia e del gruppo LVMH “, ha affermato il professor Xavier Nasif, direttore generale dell’Istituto Pasteur di Lille.

Al culmine dell’epidemia di coronavirus in Francia a marzo, LVMH ha ordinato 40 milioni di maschere dalla Cina per aiutare il paese a combattere la diffusione.

L’azienda ha anche convertito tre dei suoi impianti di produzione di profumi per produrre disinfettanti per le mani libere.

“In questi tempi difficili e nella lotta che stiamo conducendo, il sostegno è prezioso per i progetti di ricerca della fondazione. Vorrei rendere omaggio all’impegno di Bernard Arnault, della sua famiglia e del gruppo LVMH “.

– Professor Xavier Nasif

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.