Maldive, un programma per vaccinare i turisti

Reading Time: 1 minute read

La nazione insulare delle Maldive sta implementando un programma per vaccinare i visitatori all’arrivo. Abdulla Mausoom, ministro del turismo del paese, ha detto alla CNBC che l’iniziativa si chiama 3V: “visita, vaccinazione e ferie”.

Sebbene il paradiso tropicale sia aperto ai viaggiatori provenienti dagli Stati Uniti e da altri paesi da luglio 2020, ai visitatori è stato richiesto di arrivare con un test PCR Covid-19 negativo eseguito entro 96 ore dalla partenza e, ovviamente, con una prenotazione alberghiera confermata.

Nel frattempo alcuni intervistati del target elevato-lusso non sono convinti di doversi far bucare il braccio da un vaccino sperimentale, peraltro non una tantum perché è una terapia a tutti gli effetti.

A parte le titubanze chi vuole andare alle Maldive dovrà sottostare a quella nuova regola obbligatoria, altrimenti evita di prenotare. Ovviamente per non perdere turisti facoltosi Mausoon ha affermato che il processo non inizierà fino a quando tutti i residenti delle Maldive saranno vaccinati.

Finora, circa il 51,5% della popolazione dell’isola ha ricevuto almeno una dose del vaccino e il 4,8% è stato completamente vaccinato, secondo il monitoraggio globale dei vaccini.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.