Malesia, Le attività bancarie saranno conformi alla Sharia entro il 2030

Reading Time: 1 minute read

La Malesia può aspettarsi che metà delle sue attività bancarie sia islamica entro il 2030 poiché la crescita del settore supera le banche convenzionali, secondo l’associazione dei suoi finanziatori. I prestiti che rispettano il divieto di interesse della religione aumenteranno dal 10% al 15% annuo nei prossimi cinque anni, superando la crescita dal 5% al ​​7% vista per i prestiti non islamici, ha affermato Adissadikin Ali, presidente dell’Associazione delle istituzioni bancarie e finanziarie islamiche Malesia o Aibim.

La Malesia, che ha aperto la strada alla finanza islamica negli anni ’80, ha fissato un obiettivo per le attività bancarie islamiche di raggiungere il 40% dell’intero settore entro il 2020. Tale percentuale ha raggiunto solo il 31% a partire dal 2018, pari a 916,7 miliardi di ringgit ($ 224 miliardi) , secondo la banca centrale.

Adissadikin, che è anche amministratore delegato della RHB Islamic Bank, ha dichiarato di essere fiducioso delle sue previsioni del 50% per il 2030, anche se la Malesia non raggiunge l’obiettivo del 2020.

I segni possono essere visti nelle più grandi banche della nazione, ha affermato, con i prestiti islamici di Malayan Banking che rappresentano il 61% del totale e il rapporto di RHB Bank che sale al 38%, dal 26% nel 2017.

Fonte : thenational.ae

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.