Malta diventa il 33 ° membro della impresa comune EuroHPC

Reading Time: 1 minute read

L’impresa comune EuroHPC è stata istituita nel 2018 per consentire all’UE di diventare un leader mondiale nel supercalcolo. Un nuovo regolamento EuroHPCper il proseguimento dell’impresa comune nel periodo di bilancio 2021-2027 è attualmente in discussione a livello dell’UE e dovrebbe entrare in vigore nei prossimi mesi.

Renderà possibile un ulteriore investimento di 7 miliardi nella prossima generazione di supercomputer europei, comprese le tecnologie emergenti, come i computer exascale, post-exascale e quantistici e un ambizioso programma di ricerca e innovazione.

I supercomputer e i computer quantistici EuroHPC saranno accessibili e disponibili per i ricercatori europei, l’industria (comprese le PMI) e le pubbliche amministrazioni, indipendentemente da dove si trovino in Europa.

I supercomputer EuroHPC saranno una risorsa strategica, con il potenziale per sbloccare progressi significativi nella bioingegneria, previsioni meteorologiche, lotta al cambiamento climatico, medicina personalizzata,

L’impresa comune sta già dotando l’UE di un’infrastruttura di livello mondiale di supercomputer pre-esascala e petascala e sta sviluppando le tecnologie, le applicazioni e le competenze necessarie per raggiungere la piena capacità di esascala (livello di prestazioni in grado di eseguire da dieci alla potenza di diciotto operazioni per secondo) entro il 2023.

Ad oggi, un supercomputer è operativo in Slovenia ( Vega ); un altro (MeluXina) sarà ufficialmente inaugurato in Lussemburgo il 7 giugno 2021. Altri cinque supercomputer EuroHPC sono stati acquistati e saranno operativi nel 2021: Discoverer (Bulgaria), Karolina (Repubblica Ceca), Deucalion (Portogallo), Leonardo (Italia) e Lumi(Finlandia).

Inoltre, attraverso la sua agenda di ricerca e innovazione, l’impresa comune EuroHPC sta anche rafforzando la base di conoscenza europea nelle tecnologie HPC e colmando il divario di competenze digitali, in particolare attraverso la creazione di una rete di centri di competenza HPC nazionali e promuovendo l’adozione dell’HPC da parte delle PMI.

Fonte :

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.