MANIFATTURIERO, INTELLIGENZA ARTIFICIALE: REPORT

Reading Time: 2 minutes read

La seconda e ultima giornata ha certificato il successo World Manufacturing Forum 2020 che, in una edizione caratterizzata dalla digitalizzazione integrale dell’evento, tra WMForum, WMF Nord America e i 16 side events è stato seguito da oltre 3.500 partecipanti collegati online da tutto il mondo.

Dopo aver analizzato, nel corso della prima giornata del Forum, come le aziende e il settore manifatturiero in generale potranno rinascere in un mondo “New Normal”, durante la seconda giornata il Prof. Marco Taisch, Scientific Chairman del WMF ha presentato il WMF Report 2020 ‘Il manifatturiero nell’era dell’Intelligenza Artificiale’.

Il Report, partendo da una analisi dello stato di adozione dell’Intelligenza Artificiale nel mondo, delinea le sue varie applicazioni nella catena del valore della produzione, indaga su come l’Inteliigenza Artificiale stia trasformando la forza lavoro, spiega le sfide che la stessa deve affrontare in termini di etica e di policy da adottare. Tre i livelli di applicazione possibili dell’Intelligenza Artificiale nel Manifatturiero individuate dalla World Manufacturing Foundation:

“L’intelligenza artificiale non è solo una tecnologia, ma fa sempre più parte della nostra vita quotidiana. La manifattura è un motore positivo per il benessere della società, perciò nell’edizione 2020 del WM Report ci siamo chiesti come l’intelligenza artificiale possa migliorare quel ruolo. La risposta, in questa fase storica, è che la comprensione del potenziale dell’Intelligenza Artificiale – le sue implicazioni per le organizzazioni e le sue applicazioni – sta diventando sempre più rilevante per molti cittadini, governi e aziende, anche in ottica di competitività” ha dichiarato Marco Taisch, Scientific Chairman della World Manufacturing Foundation.

Come ogni anno il WMF Report individua e diffonde 10 raccomandazioni relative al focus dello studio. Le raccomandazioni 2020 hanno come obiettivo un’adozione di successo etica e affidabile dell’IA nella produzione industriale e sono:

Alimentare dibattito pubblico per aumentare la comprensione e costruire la fiducia nei sistemi di IA;

Gestire le aspettative dei produttori sulla capacità dell’IA;

Implementare riflessioni etiche nell’intero ciclo di vita dell’IA;

Garantire la qualità, privacy e disponibilità dei dati;

Mettere gli esseri umani al centro degli ambienti di lavoro IA;

Assicurare l’allineamento strategico dell’IA in tutta l’organizzazione;

Sostenere le PMI manifatturiere nel loro percorso verso l’IA;

Promuovere l’IA per supportare reti di fornitura resilienti;

Educare e formare la forza lavoro attuale e futura per lavorare con l’IA;

Implementare standard, politiche e regolamenti per guidare un’adozione sostenibile dell’IA;

Il WM Report quest’anno è stato poi arricchito da una sezione ‘giovani’: il YML Essay Contest. Gli Young Manufacturing Leaders (youngmanufacturingleaders.org) di tutta Europa sono stati invitati a presentare i loro studi e applicazioni sull’intelligenza artificiale nell’ambito della produzione manifatturiera.

I migliori studi sono stati selezionati dal Comitato editoriale e hanno aggiunto uno sguardo ancor più innovativo, da startup, al Report sull’Intelligenza Artificiale.

CONFINDUSTRIA
Lombardia

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.