marittimi in frantumi minacciano un arresto della logistica globale

Reading Time: 2 minutes read

La variante del Delta che devasta parti dell’Asia – sede di molti degli 1,7 milioni di marittimi commerciali del mondo – ha spinto molte nazioni a tagliare l’accesso via terra agli equipaggi in visita, in alcuni casi anche per cure mediche. Solo il 2,5% dei marittimi – uno su 40 – è stato vaccinato, stima l’ICS.

Sono tra i circa 100.000 marittimi bloccati in mare oltre il loro normale periodo di 3-9 mesi, secondo l’International Chamber of Shipping (ICS), molti senza nemmeno un giorno di pausa a terra. Altri 100.000 sono bloccati a terra, incapaci di imbarcarsi sulle navi di cui hanno bisogno per guadagnarsi da vivere.

Le Nazioni Unite descrivono la situazione come una crisi umanitaria in mare e affermano che i governi dovrebbero classificare i marittimi come lavoratori essenziali. Dato che le navi trasportano circa il 90% del commercio mondiale, l’aggravarsi della crisi rappresenta anche una grave minaccia per le catene di approvvigionamento su cui facciamo affidamento per tutto, dal petrolio e dal ferro al cibo e all’elettronica.

L’India e le Filippine, entrambe sottoposte a feroci ondate di COVID-19, rappresentano oltre un terzo dei marittimi commerciali del mondo, ha affermato Guy Platten, segretario generale dell’ICS, che rappresenta oltre l’80% della flotta mercantile mondiale.

Secondo un sondaggio della Federazione internazionale dei lavoratori dei trasporti (ITF) di marzo, la crisi ha portato quasi la metà dei marittimi commerciali a considerare di lasciare il settore o a non essere sicuri se rimarranno o se ne andranno.

Ciò suggerisce un’incombente crisi del lavoro che metterebbe a dura prova la flotta mercantile mondiale di 50.000 unità e minaccerebbe l’integrità delle catene di approvvigionamento globali.

La carenza di navi portacontainer che trasportano prodotti di consumo e ingorghi nei porti di tutto il mondo si sta già diffondendo nel settore della vendita al dettaglio, che ha visto i tassi di trasporto salire a livelli record, facendo salire i prezzi delle merci.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.