McQueen e Balenciaga non indossano pellicce

Reading Time: 1 minute read

La casa di moda britannica Alexander McQueen e lo stilista spagnolo di lusso Balenciaga hanno entrambi confermato le politiche senza pellicce , diventando gli ultimi marchi di proprietà di Kering a farlo.

L’annuncio arriva mentre il governo britannico sta valutando la possibilità di rendere la Gran Bretagna il primo paese al mondo a vietare la vendita di pellicce ora che il Regno Unito ha lasciato il mercato unico.

Il mese scorso, il primo ministro Boris Johnson ha ricevuto una lettera aperta firmata da 50 delle più grandi star britanniche a sostegno della campagna #FurFreeBritain .

Alexander McQueen e Balenciaga sono gli ultimi ad entrare a far parte di un gruppo in rapida espansione di stilisti che abbandonano la pelliccia, tra cui Prada , Gucci , Armani, Versace , Michael Kors , Jimmy Choo , DKNY , Burberry e Chanel .

Il marchio Kering Gucci aveva già annunciato la sua politica senza pellicce nel 2017 e Bottega Veneta afferma che è stato privo di pellicce per quasi 20 anni. Solo Saint Laurent e Brioni di Kering devono ancora annunciare politiche senza pellicce.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.