Media, Facebook afferma che pagherà $ 1 miliardo in tre anni

Reading Time: 1 minute read

Facebook, seguendo le orme di Google, afferma di voler investire 1 miliardo di dollari per “supportare l’industria dell’informazione nei prossimi tre anni. Il gigante dei social network, che ha litigato con l’ Australia per una legge che farebbe pagare le piattaforme sociali alle testate giornalistiche, ha affermato di aver investito 600 milioni di dollari dal 2018 in notizie.

Le società di notizie vogliono che Google e Facebook paghino per le notizie che appaiono sulle loro piattaforme. I governi in Europa e Australia sono sempre più in sintonia con questo punto di vista. Le due società tecnologiche assorbono la maggior parte dei dollari statunitensi per la pubblicità digitale, il che, tra gli altri problemi, ha danneggiato gli editori.

Facebook ha detto che revocherà il divieto sui collegamenti alle notizie in Australia dopo che il governo ha accettato di modificare la legislazione proposta che aiuterebbe gli editori a negoziare i pagamenti con Facebook e Google.

Facebook è stato criticato per il suo divieto, che ha anche temporaneamente interrotto l’accesso ai servizi di pandemia governativa, salute pubblica e emergenza sul sito di social networking.

I paesi dell’Unione europea stanno lavorando all’adozione di regole sul copyright che consentono alle società di notizie e agli editori di negoziare i pagamenti.

Microsoft sta lavorando con gli editori europei per spingere le grandi piattaforme tecnologiche a pagare per le notizie.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.