Media, Facebook investirà 1 miliardo di dollari nella informazione

Reading Time: 1 minute read

L’impegno del social network per l’industria dell’informazione segue l’investimento di 1 miliardo di dollari di Google lo scorso anno, poiché i giganti della tecnologia sono sotto esame del loro modello di business e della proliferazione di disinformazione sulla loro piattaforma.

Facebook martedì ha ripristinato le pagine di notizie australiane, dopo aver strappato concessioni dal governo su una proposta di legge che richiederà ai giganti della tecnologia di pagare le società di media tradizionali per i loro contenuti.

L’industria dell’informazione globale ha già visto il suo modello di business ribaltato dai giganti della tecnologia.

Facebook ha dichiarato mercoledì di aver già investito 600 milioni di dollari nel settore dell’informazione dal 2018.

La società di social media ha aggiunto che era in trattative attive con editori di notizie in Germania e Francia per un accordo per pagare i contenuti per il suo prodotto di notizie, dove gli utenti possono trovare titoli e storie accanto a un feed di notizie personalizzato.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.