Mercato cinese apre agli investitori europei

Reading Time: 2 minutes read

L’Unione Europea e la Cina hanno annunciato l’approvazione politica di un accordo per aprire ulteriormente il mercato cinese agli investitori dell’UE, segnando un passo importante nei colloqui iniziati nel 2013.

Per l’UE, l’accordo rischia di irritare l’amministrazione statunitense entrante, che ha esortato gli europei a consultarsi con loro sulle pratiche economiche della Cina.

Il fallimento degli Stati Uniti e dell’UE nel forgiare una posizione comune darebbe a Pechino un vantaggio in quanto i leader occidentali rivalutano le relazioni geopolitiche.

Di seguito sono riportate alcune delle concessioni cinesi agli investitori europei nell’accordo, secondo un funzionario dell’UE intervenuto a condizione di anonimato:

Apertura del mercato cinese: migliore accesso a tutti i settori, compresi i servizi di trasporto aereo, in cui i requisiti di joint venture per i sistemi di prenotazione via computer vengono rimossi e nuove opportunità in settori quali veicoli puliti, servizi cloud, servizi finanziari e salute,

Imprese statali cinesi: impegno di non discriminazione quando le imprese statali sono acquirenti di servizi,

Sovvenzioni cinesi: maggiore trasparenza, in particolare per i servizi
Trasferimenti tecnologici forzati cinesi: vietati.

Mentre l’accordo impegna in gran parte l’UE a mantenere la sua relativa apertura agli investitori cinesi, secondo il funzionario europeo, l’accordo offre loro un maggiore accesso per il blocco:

mercati dell’energia all’ingrosso e al dettaglio (escluse le piattaforme di scambio),

mercati delle energie rinnovabili (con un limite del 5% a livello di paesi dell’UE e un meccanismo di reciprocità).

La svolta nei negoziati su un accordo di investimento UE-Cina segnala la determinazione del blocco a concentrarsi sulle opportunità economiche in Asia, anche in mezzo alle critiche del record di Pechino in materia di diritti umani. L’accordo potrebbe entrare in vigore all’inizio del 2022.

La Cina si è classificata come il secondo partner commerciale dell’UE nel 2019 (dietro gli Stati Uniti), con il commercio di merci a due vie del valore di oltre 1 miliardo di euro (1,2 miliardi di dollari) al giorno.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.