Mercedes richiama milioni di auto per bug del software

Reading Time: 2 minutes read

Richiamo per più di un milione di auto Mercedes, relativo a un problema tecnico di localizzazione della chiamata che dovrebbe allertare i servizi di emergenza.

La casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz è al centro di un crescente richiamo a causa di un problema tecnico del software con alcuni dei suoi veicoli.

Il problema riguarda la funzione eCall, che avvisa i servizi di emergenza di un incidente e riproduce loro la posizione di un veicolo.

Il problema colpisce 1.292.258 auto negli Stati Uniti, ma la casa automobilistica si sta preparando a iniziare i richiami anche in altri mercati globali. All’inizio di questo mese, Tesla ha annunciato che avrebbe richiamato 135.000 veicoli Model S e Model X per questioni di sicurezza.

Quel richiamo era incentrato su display touchscreen difettosi, che controllano quasi tutte le funzioni dell’abitacolo in una Tesla. Ma il richiamo della Mercedes sembra includere un numero molto più elevato di auto.

La BBC ha affermato che la Mercedes “ha stabilito che un rischio per la sicurezza non può essere escluso”.

Sebbene il problema sia correlato al software, che di solito può essere risolto in modalità wireless utilizzando la connessione dati mobile dell’auto, c’è la possibilità che debba farlo fisicamente, il che significa che i clienti portano la loro auto da un rivenditore autorizzato per il download dell’aggiornamento.

L’aggiornamento correggerà l’errore che vede la posizione sbagliata inviata ai servizi di emergenza.

La funzione è progettata per funzionare se l’auto rileva di essere stata coinvolta in un incidente e il conducente non risponde. L’auto avviserà automaticamente i servizi di emergenza e includerà i dati di localizzazione.

Mercedes ha detto che il problema è incentrato sul software collegato al modulo di comunicazione utilizzato dal sistema di chiamata di emergenza.

“In rari casi, ciò potrebbe significare che in caso di caduta temporanea della tensione di un veicolo correlata a un incidente, il modulo di comunicazione potrebbe non comunicare la posizione corrente corretta quando viene effettuata / attivata una chiamata di emergenza”, un portavoce dell’auto- ha detto il produttore.

“Tutte le altre funzioni della funzione di chiamata di emergenza automatica e manuale rimangono pienamente operative”, ha aggiunto il portavoce.

La Mercedes a quanto pare ha detto di aver scoperto il guasto da sola a causa del suo programma di monitoraggio della sicurezza, che ha definito una “priorità assoluta” per l’azienda.

ìSebbene il richiamo sia inizialmente solo per gli Stati Uniti, Mercedes ha ammesso che anche altri paesi saranno soggetti al ritiro.

“Questo aggiornamento software sarà implementato anche in altri paesi e siamo in stretto contatto con le autorità locali”, ha detto alla BBC Mercedes-Benz nel Regno Unito.

Tuttavia, la casa automobilistica ha affermato di non fornire ulteriori dettagli fino a un annuncio ufficiale della correzione.

Il richiamo negli Stati Uniti per 1.292.258 veicoli interessati copre 200 modelli costruiti tra il 2016 e il 2021. Ciò include la Classe A, la Classe C, la Classe E e la Classe S, oltre a molti altri modelli.

Fonti indicate nel testo

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.