Messico, Chiude la biblioteca Gandhi di Miguel Angel de Quevedo

Reading Time: 1 minute read

Il quotidiano El Universal ha detto che la biblioteca Gandhi di Miguel Angel de Quevedo 134, a Chimalistac, fondata nel 1971 da Mauricio Achar , chiuderà i battenti per motivi economici. Questo ramo è il simbolo della catena di librerie e quello che ha avuto inizio con il concetto di riunire arte, libri, regali e un buon caffè.

Attualmente, l’azienda vende i suoi testi attraverso 44 negozi e dispone di piccoli reparti in conglomerati come Walmart e Palacio de Hierro.

La biblioteca Gandhi di Miguel Angel de Quevedo è nata grazie all’amore per i libri Mauricio Achar , figlio di Joseph Achar e Mazal Hamui, entrambi immigrati dalla Siria.

Achar aveva la preoccupazione di diffondere la cultura in un modo nuovo durante gli anni settanta e creare un luogo in cui teatro, letteratura, musica e tutte le espressioni artistiche fossero riunite in un unico luogo e alla portata di chiunque.

Secondo varie indagini, Mauricio Achar amava visitare tutte le fiere del libro per ottenere copie uniche a prezzi bassi e venderle in questa filiale, frequentata da personaggi come Ernesto de la Peña, Germán Dehesa, Jaime Sabines, Gabriel García Márquez e molti altri letterati.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.