Microsoft e Oracle lavorano creare passaporto digitale per le vaccinazioni covid

Reading Time: 1 minute read

Le principali aziende, sanità e organizzazioni non profit hanno annunciato giovedì mattina che stanno lavorando insieme per creare un passaporto digitale per le vaccinazioni per quando le persone dovranno dimostrare di essere state vaccinate contro il coronavirus, secondo quanto riportato da Business Insider, secondo Hotnews.

La Vaccine Accreditation Initiative (VIC), una coalizione di organizzazioni tra cui Microsoft, Salesforce, Oracle, Cerner, Epic Systems e la Mayo Clinic negli Stati Uniti, sta sviluppando standard tecnologici per verificare se una persona è stata vaccinata, secondo una dichiarazione rilasciata giovedì di questo.

La tecnologia potrebbe essere utilizzata per rilevare persone che affermano falsamente di essere state vaccinate contro il virus mortale.

VIC afferma che le persone senza smartphone potrebbero ricevere codici QR stampati su carta per dimostrare di essere stati vaccinati.

Il dottor Perkins ha aggiunto che questo sarà necessario “sia che ci imbarchiamo su un aereo per andare in un altro paese o che andiamo al lavoro, a scuola, a mangiare, a concerti dal vivo o ad eventi sportivi“.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.