Moda e Industria stanno cambiando, un breve Focus su Prada

Reading Time: 1 minute read

Miuccia Prada presiede con suo marito, Patrizio Bertelli, Miu Miu è la sua controparte intuitiva e impulsiva. Intitolato dopo l’affettuoso moniker con cui la designer è stata conosciuta dai suoi amici e familiari più cari da quando era bambina, Miu Miu ha la sensibilità della ribellione dei fratelli.

Ognuno ha un’eco dell’altro: l’intelletto di Miu Miu è spensierato rispetto all’approccio dei pesi massimi di Prada; Prada mette in discussione il lusso, mentre Miu Miu gioca con i suoi simboli.

Anche se profondamente radicale, Prada è più seria, il volto pubblico di Miuccia Prada e in effetti la dinastia familiare – portando il nome di sua madre, Luisa, che gestiva la compagnia una volta che suo padre, il fondatore di Prada Mario Prada, si dimise.

Miu Miu, lanciato nel 1993, è al contrario solo Miuccia Prada. È un posto dove può esprimersi liberamente. Prada è ora diretto in modo co-creativo da Miuccia Prada e Raf Simons.

I disegni di abbigliamento di Prada sono sempre stati tratti dalla sua esperienza personale, storia personale, gusti personali.

Vestì a Saint Laurent come una studentessa ribelle e di sinistra negli anni ’70; più tardi negli anni ’80, scontrandosi con la direzione della moda contemporanea, acquistò i suoi vestiti dai sarti dei bambini e dai fornitori di uniformi per infermiere e cameriere, prima di decidere di progettare i suoi.

Per aiutare a differenziare Miu Miu da Prada, mostrato principalmente nella sua città natale, l’etichetta ha messo in scena sfilate in ciascuna delle principali capitali della moda fino all’atterraggio, duraturo, a Parigi nel 2006. Lì Miu Miu è stato presentato per la prima volta in 34 avenue Foch, un hotel particolarmente in un elegante arrondissement residenziale.

Ed arriviamo ad oggi 2021 con una doppia sfilata, audacemente proposte in due città differenti: Milano e Shangai. Ecco il risultato nel video:

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.