Mondo, Il Divoc-19 ha reso i bambini vulnerabili online

Reading Time: 2 minutes read

Il Divoc-19 ha influito sulla capacità dei professionisti in prima linea di affrontare lo sfruttamento sessuale minorile online (OCSE) nonostante un aumento delle indagini, questo è quanto ha rilevato un rapporto UNSW di Sydney.

La ricerca ha intervistato professionisti OCSE in prima linea e specializzati nell’applicazione della legge in tutto il mondo ed è stata finanziata dal Commissario australiano eSafety .

La maggior parte dei professionisti ha riportato aumenti relativi a materiale pedopornografico, toelettatura online, attività nelle comunità di abusi online, assunzione di rischi online da parte di minori e streaming live di materiale abusivo durante la pandemia, afferma il rapporto.

I principali aumenti nelle segnalazioni e nelle indagini OCSE non sono stati accompagnati da un aumento dell’identificazione delle vittime e degli sforzi di supporto alle vittime, che sono rimasti a livelli pre-pandemici. Anche il lavoro da casa e altre misure di sicurezza COVID-19 erano particolarmente impegnative per i professionisti impegnati nelle indagini, nella gestione di contenuti sensibili o illegali e che facevano affidamento sulla collaborazione multi-agenzia.

La ricerca fornisce dati cruciali mentre i professionisti dell’OCSE cercano di fare i conti con nuovi accordi di lavoro nel mondo COVID-19 e nel mondo post COVID-19, ha detto l’autore principale e professore associato di criminologia dell’UNSW ed esperto di sfruttamento sessuale dei bambini, il dottor Michael Salter.

I professionisti dell’OCSE hanno anche segnalato la mancanza di robuste misure statistiche del comportamento dell’autore del reato OCSE e del rischio dei minori come vincolo chiave nella valutazione dell’impatto di COVID-19 sulla sicurezza dei minori online e sul comportamento dei criminali.

I risultati evidenziano la necessità di un sistema di protezione dei minori adattivo e preparato in caso di crisi, A / Prof. Ha detto Salter.

Il commissario australiano eSafety Julie Inman Grant ha affermato che i risultati globali del rapporto sull’aumento delle segnalazioni e delle indagini che coinvolgono materiale sullo sfruttamento dei minori online durante la pandemia COVID-19 rispecchiano ciò che abbiamo visto in Australia.

I risultati dello studio si riferiscono alla risposta OCSE globale e non sono specifici per nessuna giurisdizione. I risultati del rapporto sono stati tratti dalle risposte di professionisti specializzati in prima linea della regione dell’Australasia, del Nord America, dell’Europa, del Regno Unito, dell’Africa e del Medio Oriente.

Si basa su un sondaggio tra forze dell’ordine specializzate e agenzie OCSE con interviste di follow-up. Il professor Michael Salter e il dott. Tim Wong dell’UNSW Arts, Design & Architecture sono stati coautori del rapporto. La ricerca è stata finanziata dal Commissario eSafety.

I maggiori aumenti delle segnalazioni e delle indagini sull’OCSE non sono stati accompagnati da una maggiore identificazione delle vittime e dagli sforzi di supporto alle vittime.

Le iniziative di educazione e prevenzione dell’OCSE sono diminuite durante la pandemia.

La maggior parte dei professionisti ha identificato un aumento del reato di OCSE e dei comportamenti a rischio a seguito della pandemia.

I professionisti dell’OCSE hanno segnalato la mancanza di robuste misurazioni statistiche del comportamento dell’autore del reato OCSE e del rischio dei minori come vincolo chiave nella valutazione dell’impatto di COVID-19 sulla sicurezza dei minori online e sul comportamento dell’autore del reato.

newsroom.unsw.edu.au

arts.unsw.edu.au

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.