Navigazione commerciale Artico, Russia programma opportunità e agevolazioni

Reading Time: 1 minute read

Oggi, il transito internazionale rappresenta solo una frazione dei flussi di merci totali lungo la rotta del Mare del Nord. La maggior parte dei 20,2 milioni di tonnellate di merci che sono state spedite lungo la rotta lo scorso anno era GNL proveniente dallo stabilimento di GNL Yamal di Novatek PJSC e grezzo dal giacimento Novoportovskoye di Gazprom Neft PJSC. Entro il 2024, la Russia punta ad aumentare le spedizioni attraverso la rotta del Mare del Nord fino a 80 milioni di tonnellate all’anno.

Al momento, non è possibile navigare attraverso la rotta del Mare del Nord per più di quattro mesi all’anno.

Per il resto del tempo, le acque artiche sono ricoperte da uno spesso ghiaccio con temperature che scendono fino a meno 40 gradi Celsius (anche meno 40 Fahrenheit).

Ciò richiede costose navi rompighiaccio e non garantisce comunque la consegna sicura dei carichi, poiché venti imprevedibili possono portare sulla rotta ghiaccio pesante e in movimento.

La Russia punta a lanciare la navigazione tutto l’anno lungo la rotta del Mare del Nord entro il 2030, secondo i resoconti dei media russi, citando una bozza del programma di sviluppo artico.

the moscow times

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.