Nazioni OPEC alle prese con sovralimentazione di petrolio

Reading Time: 2 minutes read

Il mondo potrebbe puntare a un approvvigionamento di petrolio ancora maggiore, e quella possibilità – che potrebbe far scendere i prezzi del carburante e dell’energia – è sospesa sui membri del cartello dell’OPEC mentre si dirigono ai negoziati giovedì.

Le nazioni produttrici di petrolio decideranno se attenersi ai tagli alla produzione che hanno subito negli ultimi tre anni, rilassarli o approfondirli nella speranza di aumentare i prezzi.

Stanno negoziando attraverso un groviglio di tensioni che spingono i membri in direzioni contrastanti.

Il debutto nel mercato azionario di Saudi Aramco , che decollerà giovedì quando il gigante del petrolio statale quoterà le sue azioni, ha messo l’Arabia Saudita in una posizione precaria mentre scommette su quale volume di produzione di petrolio colpirà un punto debole per i prezzi, la pressione aggiuntiva di considerare gli interessi dei suoi azionisti. La nazione sta già sostenendo l’onere della maggior parte dei tagli alla produzione dell’OPEC.

Ma alcune nazioni come l’Iraq hanno ignorato l’accordo e prodotto più del loro importo assegnato.

Il petrolio greggio di Brent è oscillato intorno ai $ 61 al barile mercoledì pomeriggio. I prezzi sono oscillati nel corso dell’anno, raggiungendo quasi $ 75 al barile in aprile dopo che le sanzioni statunitensi su Iran e Venezuela hanno limitato l’offerta mondiale, ma le persistenti tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina hanno attenuato le aspettative economiche, spingendo i prezzi al ribasso.

West Texas Intermediate, il greggio di riferimento statunitense, è stato scambiato a circa $ 56 mercoledì pomeriggio, e il suo prezzo ha seguito una traiettoria simile durante tutto l’anno.

Allo stato attuale, le nazioni dell’OPEC hanno concordato di tagliare la produzione di 1,2 milioni di barili al giorno fino a marzo 2020 e la maggior parte degli analisti si aspetta che le nazioni dell’OPEC estendano tali tagli alla produzione almeno fino all’estate.

Jacques Rousseau, amministratore delegato di Clearview Energy Partners, ritiene che le nazioni dell’OPEC ridurranno la produzione di ulteriori 400.000 barili al giorno per mantenere in equilibrio domanda e offerta durante la prima metà del prossimo anno, con i tagli effettuati principalmente da Kuwait, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti. Ma tagli sostanziali possono essere difficili da ottenere con alcuni membri dell’OPEC che seguono i loro programmi.

Nel frattempo, la Russia, che non fa parte dell’OPEC ma ha seguito la sua guida sui limiti di produzione negli ultimi anni, ha indicato di voler ricalcolare la sua produzione di petrolio in un modo che sia in linea con le nazioni dell’OPEC. Ciò potrebbe consentirgli di produrre più petrolio.

E anche se i membri del cartello tagliassero la produzione, c’è più petrolio proveniente da paesi non OPEC tra cui Stati Uniti, Canada, Brasile, Norvegia e Guyana, che compenseranno qualsiasi calo della produzione, secondo IHS Markit.

La dinamica da tenere d’occhio sarà se la Russia e l’Arabia Saudita raggiungeranno un accordo sui livelli di produzione all’inizio e alla metà del prossimo anno, ha affermato Heather Heldman, managing partner del Luminae Group, una società di intelligence geopolitica.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.