New York, Moda: Nuova mostra al Met esamina il passato e il presente

Reading Time: 3 minutes read

Lo spettacolo, ritardato di mesi dalla pandemia, è stato anche ottimizzato all’ultimo minuto per tenere conto del movimento Black Lives Matter che ha galvanizzato la nazione quest’estate. Normalmente l’evento sociale dell’anno della città, il Met Gala del 2020 organizzato dalla direttrice di Vogue Anna Wintour – che di solito apre la mostra in costume – è stato cancellato, come tutti i principali raduni al coperto da metà marzo.

Per festeggiare il 150 ° anniversario del Met, Andrew Bolton, capo curatore del Costume Institute , ha voluto mettere in evidenza la collezione del museo che comprende 33.000 pezzi di abbigliamento e accessori.

“Quando ho iniziato a lavorare allo spettacolo, è iniziato come una sorta di meditazione sulla moda e la temporalità”, ha detto in anteprima alla stampa della mostra intitolata “About Time”, che durerà fino al 7 febbraio.

Ma Bolton non voleva concentrarsi sulla cronologia, presentando invece concetti in coppia: due pezzi, due periodi di tempo paralleli con un’estetica simile, per uno spettacolo di 124 pezzi con un unico abito da chiudere.

“Il fatto che passato e presente coesistano insieme, ti porta fuori dai confini della cronologia e ti fa pensare al tempo in modo molto diverso”, ha detto Bolton.

Per Max Hollein, direttore del Met, “la moda cattura, come pochissime altre forme d’arte, un tempo e uno spirito – e li proietta in avanti”.

Il concetto crea un dialogo continuo tra pezzi più vecchi che risalgono al 1870 – quando fu fondato il Met – e oggetti più recenti degli anni ’60 e oltre. Elementi comuni negli armadi del 1870 sono rivisti nel lavoro di designer moderni considerati particolarmente innovativi, tra cui Alexander McQueen , Yohji Yamamoto e John Galliano .

Certi tagli, bottoni, paillettes, ricami o allacciature – un tempo segni di opulenza e particolare status sociale – sono ora strumenti di novità con un significato puramente estetico.

“La moda è sempre per il movimento, sempre su questa successione di tempo e nozioni di novità ed effimero e talvolta obsolescenza e questo è un aspetto del tempo”, ha detto Bolton. “Ma allo stesso tempo la moda guarda spesso a se stessa”.

Con gonne e abiti più corti e tagli che fluiscono piuttosto che restringere, i designer moderni danno un tocco contemporaneo ai pezzi più vecchi, come l’iconica giacca Chanel. Un abbinamento di minigonne conferisce al capo un lifting, grazie all’innovazione di Karl Lagerfeld, maestro della reinterpretazione.

I designer di oggi giocano con una gamma di materiali molto più ampia di quella a disposizione dei loro predecessori, grazie al progresso tecnologico e all’evoluzione dell’uso e del gusto. Raf Simons abbellisce un abito bustier nero senza spalline del 2013 con i fiori di raso di Hubert de Givenchy (1957), ma in pelle, un materiale popolare solo negli ultimi decenni con l’abbigliamento femminile.

E a volte gli stili più vecchi resistono alla prova del tempo: lo smoking da donna di Yves Saint Laurent , per esempio, o il suo mini abito con cintura del 1966.

Costretto a posticipare lo spettacolo di sei mesi, Bolton ha deciso di modificarlo alla luce delle enormi proteste contro il razzismo seguite all’uccisione di George Floyd da parte della polizia a maggio.

La versione originale, ha detto, includeva “alcuni designer di colore … ma non una quantità enorme”. Bolton ha detto che lui e Wintour hanno lavorato a stretto contatto per apportare le modifiche. La doyenne di Vogue ha dovuto affrontare accuse da giugno da parte di alcuni collaboratori – e recentemente in un lungo articolo sul New York Times – di aver favorito a lungo la moda creata da e per i bianchi e di aver messo da parte le persone di colore a Conde Nast.

Wintour, 70 anni, ha partecipato all’anteprima stampa della mostra ma non ha detto una parola.

“Indubbiamente, ho commesso errori lungo la strada, e se a Vogue sono stati commessi errori sotto la mia supervisione, sono mio da possedere e rimediare e mi impegno a fare il lavoro”, ha detto di recente al Times una delle figure più potenti della moda .

Le modifiche alla mostra includono un contributo del designer pioniere nero americano Stephen Burrows, accanto a un vestito Xuly.Bet della designer franco-maliana Lamine Kouyate.

Bolton ha promesso che l’iniziativa non avrebbe avuto vita breve, dicendo che tutte le mostre ora includeranno sforzi per la diversità.

Questo articolo è stato pubblicato tramite AFP Relaxnews.

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.