NORMAN LYKES HOUSE

Reading Time: 1 minute read

La Lykes House è un design incredibile basato su cerchi risalenti a un’epoca molto avanzata nella vita di Frank Lloyd Wright, quando aveva abbracciato la geometria dei cerchi. I bozzetti per la casa furono gli ultimi a venire dal grande architetto; morì nell’aprile del 1959 prima che il progetto fosse completo.

Tuttavia, aveva parlato con un apprendista (John Rattenbury) dei progetti e, alla morte di Wright, Rattenbury finì il progetto e realizzò i disegni esecutivi. Sebbene amassero il progetto, i Lykeses aspettarono altri sette anni per costruirlo; si trova tuttavia nel sito originale.

Il design di 2800 piedi quadrati è piuttosto futuristico, avvolgente e apparentemente nella montagna stessa.

Un nuovo proprietario ne prese possesso nel 1994 e assunse l’architetto John Rattenbury per apportare alcune modifiche significative alla casa, tra cui l’ampliamento della camera da letto principale, l’unione di altre due camere da letto in una camera per gli ospiti e la conversione di un laboratorio in un home theater.

Alla fine della vita e della carriera di Wright, la sua filosofia di architettura organica si fonde con l’ambiente circostante e rimane comunque un esempio per il futuro.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.