Nutrizione, La ricchezza di una famiglia fa differenza per la salute del bambino

Reading Time: 1 minute read

I tassi di sovrappeso e obesità tra i bambini sono due volte più alti nei quartieri più poveri rispetto ai quartieri più ricchi – e il divario sta aumentando. Ciò significa che i bambini non hanno pari opportunità di vivere una vita sana, quindi è importante capire perché questo sta accadendo.

Il risultato di quanto sopra è inerente ad uno studio ove i ricercatori hanno fatto molte domande sul livello di istruzione dei genitori, il loro attuale lavoro, il tipo di casa e l’area in cui vivevano. Hanno poi usato queste informazioni per avere un quadro migliore della ricchezza e del background sociale delle famiglie. È raro che i ricercatori raccolgano così tante informazioni su fattori sociali ed economici. In genere, chiedono una o due cose, come il codice postale o il titolo di studio più alto di un genitore. Ma questo approccio è limitato perché non fornisce un quadro completo della ricchezza e della posizione sociale di una famiglia.

Sappiamo che gli stili alimentari di un bambino si sviluppano nella prima infanzia e che i bambini differiscono molto nel modo in cui rispondono al cibo e all’opportunità di mangiare. Alcuni impiegano molto più tempo per finire il loro pasto, non sono interessati a mangiare e spingono il cibo intorno al piatto, mentre altri hanno un appetito cordiale e chiedono costantemente cibo.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.