Nüwa, il progetto per una città autosufficiente su Marte

Reading Time: 2 minutes read

Lo studio di architettura Abiboo ha svelato concetti di design per una città sostenibile su Marte, nell’ambito del lavoro scientifico per un concorso organizzato dalla Mars Society, un’organizzazione no-profit americana dedicata all’esplorazione del Pianeta Rosso.

Abiboo ha presentato la proposta Nüwa alla convention della Mars Society di ottobre, alla quale hanno partecipato Elon Musk di Space X, George Whitesides di Virgin Galactic e Jim Bridenstine della NASA.

Lavorando in remoto da diverse destinazioni globali, Abiboo ha collaborato al progetto con la rete SONet.

Questa rete include un team internazionale di scienziati guidati dall’astrofisico Guillem Anglada ed esperti in astrofisica, architettura, astrobiologia, ingegneria spaziale, astrogeologia, psicologia e chimica.

Il progetto, denominato Nüwa, si è classificato come finalista tra 175 progetti presentati da tutto il mondo per il concorso 2020.

Per affrontare le condizioni atmosferiche uniche e difficili, il design presenta un concetto verticale integrato nel lato di una scogliera. Ci sono cinque città , ognuna con un numero di abitanti compreso tra 200.000 e 250.000. Ogni città, a parte la capitale di Nüwa, segue la stessa strategia urbana per renderla sufficientemente flessibile da poter essere applicata a più aree di superficie del pianeta.

I “macroedifici” modulari e tubolari si inseriscono nelle falesie tramite tunnel, collegati tra loro da una rete tridimensionale di gallerie e progettati per includere spazi sia residenziali che di lavoro.

L’infrastruttura si collega anche alle “lobby del cielo” progettate con pelle traslucida e grandi baldacchini che sorvolano che offrono viste del paesaggio marziano e protezione dalle radiazioni esterne. Queste tettoie sono costruite con materiale recuperato dallo scavo di tunnel della scogliera.

Una vista dall’alto di luci, edifici e un ponte con tunnel su un paesaggio roccioso.
Ogni modulo misura 10 metri per 60 metri e comprende due piani con aree verdi, giardini urbani, spazi artistici e aree di condensazione che aiutano a dissipare il calore e l’aria pulita.

Gli spazi verdi comunitari includono animali e specchi d’acqua per promuovere il benessere fisico e mentale, un tipo dedicato alla vegetazione sperimentale e un altro tipo che funge esclusivamente da parco ricreativo.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.