Ordine Giornalisti e formazione professionale

Reading Time: 1 minute read

La formazione continua è obbligatoria per i giornalisti che desiderino mantenere attiva la propria iscrizione all’Ordine dei Giornalisti, nell’elenco opportuno (Professionisti o Pubblicisti).

La formazione però non è come accade ad esempio per i dipendenti di un’azienda pubblica ove serve per avere degli scatti di anzianità, oppure di possibilità di lavoro in altre aree di competenza.

Inoltre, quando il corso di formazione professionale è fuori location di residenza, non c’è alcun rimborso, nulla di nulla, come invece accade ad un dipendente di un ente pubblico.

La formazione professionale non serve ai giornalisti che svolgono attività quotidiana e si devono informare sulle tematiche di quel tipo di settore, prima di scrivere un articolo o servizio.

La formazione professionale serve per campare qualcuno che, altrimenti, non varrebbe un fico secco in questa società professionale di giornalisti.

Tuttavia bisogna fare la formazione professionale altrimenti i ‘cani da guardia’ saranno ben contenti di romperti i marroni, salvo poi fare una brutta fine, poiché anche i cani a forza di rompere i marones ricevono bastonate.

Davide Anatas

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.