Organizzazione indiana per la ricerca spaziale

Reading Time: 2 minutes read

ISRO è gestita dal Department of Space (DoS) del governo indiano. Lo stesso DoS ricade sotto l’autorità della Commissione spaziale e gestisce le seguenti agenzie e istituti. Il progresso economico dell’India ha reso il suo programma spaziale più visibile e attivo in quanto il paese punta a una maggiore autosufficienza nella tecnologia spaziale. Nel 2008, l’India ha lanciato ben undici satelliti, di cui nove provenienti da altri paesi e ha continuato a diventare la prima nazione a lanciare dieci satelliti su un unico razzo. ” ISRO ha messo in funzione due principali sistemi satellitari: indiano Satelliti nazionali (INSAT) per servizi di comunicazione e satelliti per il rilevamento remoto indiano (IRS) per la gestione delle risorse naturali.
Nel luglio 2012, Abdul Kalam ha affermato che la ricerca è stata condotta da ISRO e DRDO per lo sviluppo di tecnologie di riduzione dei costi per l’accesso allo spazio.
L’ Organizzazione Indian Space Research ( ISRO , / ɪ s R oʊ / ) è l’ agenzia spaziale del governo indiano con sede nella città di Bangalore . La sua visione è quella di “sfruttare la tecnologia spaziale per lo sviluppo nazionale perseguendo allo stesso tempo la ricerca spaziale e l’esplorazione planetaria”.
Il comitato nazionale indiano per la ricerca spaziale (INCOSPAR) è stato istituito da Jawaharlal Nehru , il primo primo ministro del governo indiano sotto il DAE nel 1962, con l’esortazione dello scienziato Vikram Sarabhai a riconoscere il bisogno nella ricerca spaziale. INCOSPAR crebbe in ISRO nel 1969 anche sotto il DAE.
Nel 1972 il governo indiano istituì una Commissione spaziale e il Dipartimento dello spazio (DOS) , portando l’ISRO sotto il DOS. L’istituzione dell’ISRO ha così istituzionalizzato le attività di ricerca spaziale in India. È gestito dal Dipartimento dello spazio , che riferisce al Primo Ministro dell’India .
L’ISRO costruì il primo satellite indiano , Aryabhata , che fu lanciato dall’Unione Sovietica il 19 aprile 1975. Prese il nome dal matematico Aryabhata . Nel 1980, Rohini divenne il primo satellite ad essere messo in orbita da un veicolo di lancio indiano, SLV-3 . Successivamente, ISRO ha sviluppato altri due missili: il Polar Satellite Launch Vehicle (PSLV) per il lancio di satelliti in orbite polari e il Geosynchronous Launcher Satellite Vehicle (GSLV) per il posizionamento dei satelliti in orbite geostazionarie.
L’ISRO ha inviato un orbiter lunare, Chandrayaan-1 , il 22 ottobre 2008 e un orbiter su Marte , Mars Orbiter Mission , il 5 novembre 2013, che è entrato in orbita su Marte il 24 settembre 2014, rendendo l’India la prima nazione ad avere successo nel suo primo tentativo su Marte e ISRO la quarta agenzia spaziale nel mondo così come la prima agenzia spaziale in Asia per raggiungere l’orbita di Marte.
Il 18 giugno 2016 ISRO ha stabilito un record con un lancio di venti satelliti in un singolo carico utile, uno dei quali è un satellite di Google.
Il 15 febbraio 2017 ISRO ha lanciato centodici satelliti in un unico razzo ( PSLV-C37) e ha creato un record mondiale.
ISRO ha lanciato il suo razzo più pesante, Geosynchronous Satellite Launch Vehicle-Mark III (GSLV-Mk III), il 5 giugno 2017 e ha posizionato in orbita un satellite per le comunicazioni GSAT-19. Con questo lancio, ISRO è riuscita a lanciare satelliti pesanti da 4 tonnellate in GTO .
I piani futuri includono lo sviluppo di Unified Launch Vehicle , Small Satellite Launch Vehicle , lo sviluppo di un veicolo di lancio riutilizzabile , il volo spaziale umano , atterraggio morbido controllato , sonde interplanetarie e una missione di un veicolo spaziale solare .
Fonte
Wikipedia

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.