Parks Australia chiede a Google rimuovere foto su Anangu territorio sacro

Reading Time: 1 minute read

Parks Australia ha richiesto a Google di rimuovere le foto fornite dagli utenti in relazione agli abitanti di Anangu del sito Patrimonio dell’Umanità. Google ha detto di aver rimosso le immagini non appena gli era stato chiesto.

“Sappiamo che il Parco Nazionale Uluru-Kata Tjuta è molto sacro per gli abitanti di Anangu”, ha detto la BBC News citando Google.

Il governo australiano ha restituito la piena proprietà al popolo Anangu nel 1985. Un tempo popolarmente noto come Ayers Rock, Uluru è legato al folklore sulla popolazione del Northern Territory.

Street View è una tecnologia Google ampiamente utilizzata che consente agli utenti di viaggiare in diversi tipi di terreni e posizioni geografiche per un “viaggio virtuale” utilizzando le foto caricate sulla piattaforma, a volte dall’azienda stessa e dal pubblico.

“È un sito estremamente importante, non un parco giochi o un parco a tema come Disneyland”, ha detto all’epoca Sammy Wilson, che dirigeva il consiglio del parco nazionale che ha ordinato la chiusura del sito ai turisti, come riportato dalla BBC.

L’arrampicata su Uluru è stata un’attività turistica molto popolare. Tuttavia, l’avventura è stata interrotta l’anno scorso per volere del popolo Uluru.

Gli Anangu considerano l’arrampicata sul sito come una mancanza di rispetto per la loro tradizione. Si dice che quasi 40 persone siano morte durante la salita.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.