Porsche Vision E hypercar, concept

Reading Time: 1 minute read

Quando la Porsche Taycan incontra la 918 Spyder, ottieni la Vision E, un’ipercar completamente elettrica che si adatterebbe perfettamente a una gara di Formula E. Questo sarebbe stato effettivamente un veicolo di produzione e si è spinto fino alla fase di sviluppo del modello duro 1: 1 prima di essere demolito per ragioni sconosciute.

Il design stesso vanta un abitacolo chiuso monoposto, insieme a una disposizione delle ruote semi-aperta che espone le parti meccaniche per mantenere basso il peso. Per saperne di più per ulteriori immagini.

Sarebbe dotato dell’architettura Porsche da 800 volt che ti consentirebbe di caricare la Vision E a un massimo di 270 kilowatt, che è in grado di aumentarla dal 5% all’80% in soli 22,5 minuti.

Un avvertimento: richiede una stazione di ricarica ad alta potenza da 350 kW per ottenere questo tipo di velocità di ricarica.

In confronto, è ancora più potente di quello che offrono gli attuali Supercharger Tesla. Il lato positivo è che Porsche promette di installare 600 di questi caricabatterie negli Stati Uniti entro la fine del 2020.

Photo courtesy by Porsche

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.