Postazione Gaming Project Brooklyn

Reading Time: 1 minute read

Ogni anno al CES (Consumer Electronics Show), Razer arriva con alcuni concetti stravaganti. Alla mostra di quest’anno che si svolge virtualmente, l’azienda ha rivelato un concetto di sedia da gioco molto interessante chiamato Project Brooklyn ed è concepito come un’unità molto versatile che assume forme diverse a seconda delle esigenze dell’utente.

Il clou della sedia da gioco è un display pieghevole che si inserisce all’interno dello schienale della sedia quando non è in uso.

Lo schermo OLED trasparente a 180 gradi a scomparsa scorre su e fuori dallo schienale della sedia e il suo pannello semi-rigido si estende per circondare il giocatore seduto sulla sedia.

Il display dispiegabile misura 60 pollici quando è completamente esteso e si dice che sia dotato di “dettagli visivi e qualità straordinari”.

Proprio come il display, anche il tavolo riposa all’interno della sedia e si ripiega quando necessario.

Il tavolo a scomparsa sembra funzionare in modo simile ai tavoli pieghevoli che si trovano in alcune auto di lusso.

Si estende da entrambi i braccioli per formare un’unica piattaforma al centro. Razer lo chiama il sistema “braccioli 4D trasformabili” “per un’ergonomia flessibile”.

Nel frattempo puoi acquistare qualcosa di simile come poltrona Gaming, già ben conosciuta a coloro che la conoscono e consigliano su AMAZON

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.