Prima truppa cavalleria della città di Filadelfia

Reading Time: 2 minutes read

La Truppa della prima città è un’unità della Guardia nazionale dell’esercito della Pennsylvania. È una delle più antiche unità militari degli Stati Uniti ancora in servizio attivo ed è tra le unità più decorate dell’Esercito.

La Truppa opera secondo una serie di principi di autogoverno unici nell’esercito degli Stati Uniti, compresa l’elezione dei membri dell’unità e degli ufficiali.

Si tratta di rinunciare volontariamente a pagare per il servizio militare nel paese, continuare a praticare abilità e tattiche di cavalleria, e reclutare un’alta percentuale dei suoi membri da veterani del precedente servizio dattivo in tutte le filiali, molti dei quali si dimettono dalle commissioni degli ufficiali precedenti per aderire (così come i più vecchi professionisti civili di mezza carriera).

La ‘First Troop armory’ è l’unica unità militare degli Stati Uniti che possiede il proprio arsenale in un edificio, costruito con fondi privati a Filadelfia in Piazza Rittenhouse.

A novembre 2017, la truppa contava 46 membri attivi, rispetto ai 35 del 2014.

La First Troop Philadelphia City Cavalry, o “First City Troop”, fu organizzata nel 1774 come Cavallo leggero della città di Filadelfia, spesso indicato come il Philadelphia Light Horse, una delle prime organizzazioni militari patriottiche stabilite nella Rivoluzione americana.

Abraham Markoe fu il fondatore e il primo capitano del Philadelphia Light Horse, oggi noto come First Troop Philadelphia City Cavalry.

I primi membri provenivano da un certo numero di organizzazioni sociali locali, tra cui il Schuylkill Fishing Company, la Schuylkill Company di Fort St. Davids, il St. Andrew’s Society of Philadelphia, la Society of the Friendly Sons of St. Patrick, la Società dei Figli di San. George, e in particolare il Gloucester Fox Hunting Club. Capitano Samuel Morris fu il primo presidente e capitano di Gloucester Robert Wharton è l’ultimo.

Durante la Rivoluzione, la truppa combatté nelle battaglie di Trenton, Princeton, Brandywine, e Germantown. Spesso serviva da guardia del corpo personale di James Wilson. Anche l’unità ha salvato James Wilson alla rivolta di “Battle of Fort Wilson”.

Durante la Guerra civile americana, la First City Troop fu chiamata in servizio attivo più volte, a partire dalla campagna del 1861 che portò alla Prima battaglia di Bull Run.

Durante il Campagna Gettysburg, la compagnia, sotto il comando del futuro Presidente USA della Camera, Samuel J. Randall, ha svolto compiti di scouting che hanno portato alla battaglia di Gettysburg, Pennsylvania, a fine giugno prima di essere riassegnato a Contea di York il 26 giugno 1863.

La società ha successivamente proiettato la Columbia-Wrightsville Bridge contro il Confederato John Brown Gordon.

John J. Pershing ha affermato che “nessuna organizzazione della Guardia Nazionale nel paese ha fatto di più, relativamente, nella prima guerra mondiale” rispetto alla Truppa della Prima Città.

Oggi, la First City Troop si schiera all’estero con la Pennsylvania National Guard a supporto delle operazioni dell’esercito. Dall’11 settembre, l’unità si è schierata in Bosnia, Iraq, Egitto e Kuwait, con elementi dell’unità che si schierano ulteriormente in Afghanistan, Golfo Persico, Europa e America Latina. L’iscrizione è per elezione.

I soldati continuano a donare il loro tempo all’unità, al fine di mantenere una tradizione di volontariato.

La truppa attinge la sua appartenenza dalla Truppa A, 1 ° Squadrone 104 ° reggimento di cavalleria, 28a divisione di fanteria (Stati Uniti), Guardia nazionale dell’esercito della Pennsylvania.

Fonte : Wikipedia

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.