Close up of woman's eye scanned for access

Prove cliniche di “occhi artificiali” per ripristinare la vista persa

Reading Time: 2 minutes read

Per molti anni, un gruppo di ricerca presso la Monash University in Australia ha lavorato a un progetto per ripristinare la vista impiantando un dispositivo nel cervello che invia stimolazione elettrica al cervello di una persona ipovedente . Il team di ricerca ha annunciato il 14 settembre 2020 che prevede di condurre la prima sperimentazione clinica al mondo sugli esseri umani a Melbourne.

Molte persone non sono in grado di riconoscere le immagini che vedono perché hanno danneggiato il nervo ottico che trasmette le informazioni dalla retina al cervello . Pertanto, la Monash University Cortical Frontier, che sta sviluppando un dispositivo che può essere impiantato nel cervello umano, ha sviluppato un piccolo impianto elettronico wireless che viene impiantato sulla superficie del cervello per ripristinare la vista e curare i pazienti.

Il dispositivo incorporato, chiamato ” sistema di visione bionica Gennaris ” sviluppato dal team di ricerca, è costituito da un copricapo con una telecamera e un trasmettitore wireless, un’unità di elaborazione della visione, un software dedicato e tessere quadrate da 9 mm da incorporare nel cervello.

Nel sistema di visione bionica Gennaris, l’immagine scattata dalla telecamera nell’ingranaggio della testa viene prima inviata all’unità del processore di visione delle stesse dimensioni dello smartphone e vengono estratte le informazioni necessarie.

Successivamente, le informazioni vengono trasmesse in modalità wireless dall’unità di elaborazione della visione alle tessere nel cervello e le tessere convertono le informazioni dell’immagine in segnali elettrici e stimolano il cervello tramite microelettrodi sottili come capelli.

Stimolando il cervello senza passare attraverso il nervo ottico, è possibile curare molti pazienti che hanno perso la vista.

La piastrella quadrata da 9 mm incorporata nel cervello ha questo aspetto. Puoi vedere che dozzine di elettrodi sottili si estendono dalla superficie.

“Lo scopo delle protesi visive corticali è quello di ripristinare la visione delle persone che hanno perso la vista stimolando la corteccia visiva, la regione del cervello che riceve, integra ed elabora le informazioni visive”, ha detto Arthur Lowery, professore del gruppo di ricerca della Monash University.

I dispositivi incorporati dovrebbero aiutare i non vedenti a comprendere il loro ambiente interno ed esterno e riconoscere la presenza di persone e oggetti intorno a loro.

La Monash University Cortical Frontier ha già ricevuto più di 1 milione di dollari di finanziamenti dal programma di ricerca sulla frontiera sanitaria e medica del governo australiano .

La Monash University Cortical Frontier mira a raccogliere milioni di dollari (centinaia di milioni di yen) nei prossimi cinque anni per commercializzare dispositivi che ripristinano la vista.

“Questi impianti corticali sono sufficienti per avanzare negli studi clinici sull’uomo e ulteriori investimenti consentiranno loro di essere fabbricati in Australia”, ha affermato Marcello Rosa, professore del gruppo di ricerca .

Il team di ricerca sta lavorando con un’azienda privata per sviluppare dispositivi e ritiene che anni di ricerca e sviluppo miglioreranno la tecnologia di progettazione e produzione di dispositivi medici australiani, creando nuove opportunità di lavoro e portando alla crescita economica.

Inoltre, lo sviluppo e la commercializzazione di dispositivi che stimolano la corteccia a ripristinare la vista ha il potenziale per essere applicati a trattamenti in altre aree.

Gruppo di ricerca Yan Wong

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.