Quanto è sostenibile il cotone?

Reading Time: 2 minutes read

Il cotone è una fibra naturale presente in molti punti del guardaroba come jeans e magliette. Rispetto ad altre fibre di abbigliamento comuni come sintetiche poliestere, rayon semisintetico e bambù, il cotone ha il vantaggio di essere un prodotto completamente naturale, il che significa che è biodegradabile.

Sebbene il cotone sia una fibra naturale, la sua produzione è tuttavia perseguitata da pretese di inquinamento, sfruttamento e schiavitù, sì, anche oggi.

Quindi, il cotone è davvero sostenibile ed etico come pubblicizzato?

Il cotone potrebbe aver fatto molto per ripulire la sua immagine fin dai suoi giorni coloniali come il raccolto che ha lanciato un migliaio di schiavi (o, per essere precisi, 1,8 milioni) ai campi di cotone americani, ma quanto è cambiato?

La fibra naturale più abbondantemente prodotta al mondo, si stima che Ogni anno vengono prodotte 25 milioni di tonnellate di cotone Con così tanto cotone coltivato a livello globale, è fondamentale esaminare più da vicino alcuni dei problemi, delle preoccupazioni e delle soluzioni alla produzione di questo cosiddetto “oro bianco” e rispondere una volta per tutte: il cotone è sostenibile ed etico.

la spada a doppio taglio della produzione di cotone: richiede molta acqua per crescere e viene coltivato principalmente in condizioni aride. Ciò significa che non solo vengono utilizzate enormi quantità di acqua per coltivare cotone per i vestiti ogni anno, ma anche la produzione contribuisce bacini marini che si asciugano. Questa “acqua virtuale” deve essere presa in considerazione quando si acquistano prodotti in cotone. Secondo gli studi, può essere necessario. oltre 2.700 litri di acqua produrre abbastanza cotone per una sola maglietta, quindi c’è molto da spiegare!

Tuttavia, questo elevato livello di spreco idrico non è solo dovuto all’irrigazione, ma è anche comunemente il risultato di un uso inefficiente dell’acqua e dell’inquinamento dovuto all’uso di pesticidi (più sui pesticidi in seguito).

Un altro modo in cui l’acqua viene inquinata è l’uso di sostanze chimiche nei processi di produzione e tintura.

È costoso smaltire in sicurezza le sostanze chimiche pericolose spesso utilizzate nella tintura dei tessuti e la pressione per produrre indumenti in modo più economico spesso provoca la contaminazione dei sistemi fluviali. In Cina, si stima che Il 70% dei fiumi e dei laghi è contaminato dai 2,5 miliardi di litri di acque reflue prodotte dall’industria della moda.

Quando si acquistano prodotti in cotone, è essenziale essere consapevoli di questi molti litri di “acqua virtuale”.

“Può sembrare arbitrario, ma pensaci in questo modo: nella sola India, un paese in cui 100 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile, l’acqua utilizzata nella produzione di cotone sarebbe sufficiente a fornire l’85% degli 1,24 miliardi di persone con 100 litri di acqua ogni giorno per un anno!

Fine Prima Parte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.