Quattro grandi banche cinesi registrano crescita dei profitti

Reading Time: 1 minute read

Le quattro maggiori banche cinesi hanno registrato una crescita dei profitti nel 2020, superando il più ampio mercato continentale in mezzo a una storica pandemia di coronavirus.

I quattro istituti di credito giganti hanno battuto il più ampio settore bancario in Cina che ha registrato un calo dei profitti del 2,7%, secondo il regolatore bancario del paese nel suo recente rapporto trimestrale.

Tutti e quattro hanno registrato una crescita dei profitti in un anno difficile che ha visto la Cina crescere del 6,4% nel quarto trimestre e del 2,3% nell’anno, secondo i dati ufficiali.

La più grande banca cinese, ICBC, ha registrato un aumento dell’1,4% dell’utile netto a 317,7 miliardi di yuan, mentre il rapporto dei prestiti in sofferenza (NPL) è aumentato di 0,27 punti percentuali al 2,29%, secondo i risultati annuali.

L’utile netto di CCB è aumentato dell’1,6% a 273,6 miliardi di yuan, con un aumento di 0,14 punti percentuali del rapporto di crediti deteriorati all’1,56%.

L’Agricultural Bank of China ha visto il suo reddito netto aumentare dell’1,8% a 215,9 miliardi di yuan e il suo rapporto NPL è rimasto invariato al 2,2%, rispetto al 2,23% dello scorso anno.

Bank of China ha registrato un aumento del 2,9% dell’utile netto a 192,9 miliardi di yuan con un rapporto NPL dell’1,46%, rispetto all’1,37% del 2019.

Fonti indicate nel testo

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.