Queensland nominata come sede impianto produzione droni militari Boeing

Reading Time: 1 minute read

Boeing e il governo del Queensland hanno annunciato una partnership che vede il Sunshine State diventare la sede dell’impianto di produzione di Boeing, per velivoli da difesa senza pilota.

Boeing ha detto che la struttura costruirà l’Airpower Teaming System della società e che sarebbe la prima volta un aereo militare Boeing viene progettato e sviluppato, al di fuori degli Stati Uniti.

La coppia ha anche affermato che sarebbe stato il primo aereo militare ad essere progettato, ingegnerizzato e prodotto in Australia in oltre 50 anni.

Il primo prototipo di velivolo autonomo senza pilota fatto in casa, chiamato Loyal Wingman , è stato presentato alla Royal Australian Air Force nel maggio di quest’anno.

Boeing impiega 1.700 dipendenti nel Queensland e 400 imprese locali sono coinvolte nella catena di fornitura.

Nel 2016, il Queensland ha annunciato che avrebbe iniettato AU $ 1 milione nella tecnologia dei droni . All’epoca, il governo del Queensland ha anche collaborato con Boeing, in collaborazione con la sussidiaria di Boeing Insitu Pacific, il progetto QGC di Shell e Telstra, per ulteriori ricerche sui droni.

Da allora Boeing ha intensificato gli sforzi nel Queensland, avendo precedentemente dichiarato lo stato come sede del suo nuovo programma di sviluppo di sistemi autonomi .

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.