[Recensione] Nove GPS a confronto

Reading Time: 2 minutes read

La maggior parte dei computer GPS è eccessivamente ingegnerizzata per la guida quotidiana. Come con il tuo smartphone, questo è davvero un problema se la sua funzione-overkill si traduce in una perdita di usabilità. Un’unità GPS che è difficile e macchinosa per funzionare non solo costa tempo prezioso, ma probabilmente ti infastidirà. Deve essere intuitivo da usare, lavorare rapidamente con il calcolo del percorso veloce, avere un touchscreen reattivo o pulsanti, così come una visibilità impeccabile in varie condizioni di luce e al buio. Se un compagno di bici ti invia un itinerario di file GPX via e-mail prima che tu stia per lasciare l’ufficio a fare un giro, dovrebbe essere possibile scaricarlo dallo smartphone e dall’unità GPS in pochi passaggi. Quindi oltre l’unità GPS, i marchi sono saggi di investire nello sviluppo delle proprie app in modo che possano comunicare senza problemi con il rispettivo sistema operativo del proprio smartphone. Stiamo chiedendo troppo?

Le navigazioni devono essere chiare e facili da distinguere, con un display ad alto contrasto. Il dettaglio può essere cruciale quando sei fuori ad esplorare, ma nel traffico o in situazioni difficili un display minimalista che può essere compreso immediatamente con una breve occhiata dovrebbe avere la precedenza. Dopotutto, fissare il display per più di un secondo per vedere il percorso pianificato può essere pericoloso. Quando si effettua il reindirizzamento o alle rotatorie, la velocità di reazione del computer (oltre a una buona ricezione GPS) è essenziale: nulla è più fastidioso di una svolta a causa di un ritardo temporale!

In passato, le mappe preinstallate erano un fattore importante da considerare prima dell’acquisto, in quanto ciò avrebbe potuto comportare costi successivi se si dovessero acquistare mappe aggiuntive. Fortunatamente, questo problema sembra non esistere più: Wahoo si basa su dati OpenStreetMap gratuiti, mentre Garmin pre-installa le mappe della bicicletta gratuitamente. Lezyne non visualizza affatto una mappa durante la navigazione; visualizza invece il percorso su uno sfondo bianco, combinato con le istruzioni agli incroci e alle rotonde. Gli smartwatch, come Apple Watch, sfruttano la potenza del tuo smartphone e dei servizi online come Google Maps.

Test breve sul campo / riepilogo:

Garmin Edge 1030 e 820 sono di gran lunga i dispositivi più lenti nel campo di prova quando si tratta del tempo di calcolo del percorso.

L’OMATA One non ha retroilluminazione, il che lo rende del tutto inadatto per la guida al buio.

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.