Riciclare la plastica marina per creare occhiali alla moda

Reading Time: 1 minute read

François van den Abeele aveva un sogno: trasformare le reti da pesca di plastica scartate in occhiali di alta moda rifiniti a mano. La gente una volta lo derideva, ma ora, poiché guida un gruppo di ecoimprenditori, i suoi prodotti sono sempre più richiesti in tutto il mondo.

“Ho iniziato a studiare i modi di utilizzare i rifiuti di plastica come materia prima per produrre qualcosa che le persone avrebbero usato e potenzialmente indossato. La sostenibilità è inesistente nel mondo ottico; la principale materia prima utilizzata è la plastica e il 40 per cento della popolazione porta gli occhiali. È stata una vittoria perfetta, vittoria, vittoria.

“Tutto questo, insieme a una motivazione personale a cambiare la mia professione e fare qualcosa di positivo con un impatto sostenibile, è culminato nella creazione di Sea2See Eyewear.

“Abbiamo accordi con 27 porti in Spagna, sei in Francia e ora partiamo dal Ghana. Raccogliamo mediamente mezza tonnellata di rifiuti di plastica al giorno che ricicliamo per produrre tutte le nostre montature da vista in Italia.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.