Ridimensionamento dell’agricoltura intelligente per il clima

Reading Time: 1 minute read

Il finanziamento della trasformazione in sistemi alimentari globali a basse emissioni di carbonio e resilienti richiederà investimenti molto più consistenti nell’agricoltura rispettosa del clima, in particolare da parte dei bilanci nazionali e del settore privato.

Per ovviare a questo divario finanziario, sarà necessario utilizzare in modo più efficace le finanze pubbliche internazionali (sia quelle per lo sviluppo che quelle per il clima) per sviluppare politiche abilitanti, sfruttare il capitale privato e fornire risultati di adattamento e mitigazione.

La combinazione di finanziamenti pubblici e privati ​​sarà cruciale per contribuire al raggiungimento di obiettivi agricoli rispettosi del clima, rispettando al contempo il profilo di rischio / rendimento di diversi investitori.

Inoltre, dovranno essere sviluppati meccanismi finanziari e canali di consegna innovativi per garantire che i piccoli agricoltori e l’agroindustria possano accedere al capitale di cui hanno bisogno per aumentare la loro produttività, costruire la loro resilienza e contribuire a ridurre le emissioni di gas a effetto serra.

Fonte
ccafs.cgiar.org

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.