Royal Regiment of Horse Guards (1)

Reading Time: 1 minute read

Il Royal Regiment of Horse Guards (Il Blues) (RHG) era un reggimento di cavalleria del Esercito britannico, parte del Cavalleria domestica.

Cresciuto nell’agosto 1650 a Newcastle upon Tyne e Contea di Durham di Sir Arthur Haselrigge per ordine di Oliver Cromwell come un Reggimento di cavallo, il reggimento è diventato il Reggimento del conte di Oxford nel 1660 in seguito al restauro di Re Carlo II.

Poiché, unicamente, il cappotto del reggimento era di colore blu all’epoca, era soprannominato “l’Oxford Blues”, da cui derivava il soprannome di “Blues”.”

Nel 1750 il reggimento divenne il. Royal Horse Guards Blue e infine, nel 1877, il Royal Horse Guards (The Blues).

Il reggimento prestò servizio nelle guerre rivoluzionarie francesi e nel Guerra peninsulare. Due squadroni hanno combattuto, con distinzione, nella Brigata della famiglia al. Battaglia di Waterloo.

Nel 1918, il reggimento servì come terzo battaglione. Guardie Reggimento mitragliatrice. Durante la Seconda guerra mondiale il reggimento faceva parte del reggimento composito di cavalleria domestica.

Le Royal Horse Guards furono unite al Royal Dragoons (1 ° Dragoons) per formare il Blues and Royals (Royal Horse Guards e 1st Dragoons) nel 1969.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.