Russia aumenta prezzo grano saraceno in Giappone

Reading Time: 1 minute read

Il prezzo del grano saraceno ha registrato un forte aumento in Giappone, con un conseguente enorme onere per i venditori di noodle, hanno riferito i media giapponesi. A causa della ridotta produzione in Cina, il prezzo del grano saraceno cinese è aumentato nel 2020.

Per questo motivo, il Giappone ha aumentato le importazioni dalla Russia nel 2021 per fornire il grano saraceno consumato in Giappone, circa l’80% del quale è importato, secondo quanto riportato dai media locali Nikei mercoledì.

Secondo il rapporto, quasi il 70% del grano saraceno importato dal Giappone proveniva dalla Cina nel 2020. Con la carenza di approvvigionamento dalla Cina, le importazioni del Giappone dalla Russia hanno registrato un drammatico aumento nel primo trimestre, raggiungendo le 3.646 tonnellate.

Il presidente di Yudetarou, una catena di noodle giapponese, ha affermato che avrebbero dovuto aumentare il prezzo di una ciotola di noodles da 290 yen ($ 2,66) a 320 yen nel 2019 a causa dei costi più elevati del grano saraceno, e l’aumento di 30 yen lo ha portato molta pressione, ha riferito il Weekly Toyo Keizai.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.