Russia, Lomonosov: Prima centrale nucleare galleggiante al mondo

Reading Time: 1 minute read

La prima centrale nucleare galleggiante al mondo sarà collegata alla rete di riscaldamento e integrata nella produzione industriale. Lomonosov fornirà elettricità a 100.000 residenti nella regione. Il costo della costruzione della centrale galleggiante non era noto pubblicamente, ma secondo vari media, si stima che sia in € 406 milioni.

I generatori di Akademik Lomonosov sono in funzione da giovedì, riferisce Rosatom. Per il normale funzionamento, era prima necessario sincronizzare i parametri della rete elettrica locale con i generatori a bordo.

Ieri è stato un giorno speciale per la gente della città di Pevek (la città più a nord della Russia) e il collegamento della centrale elettrica galleggiante alla rete è stato simbolicamente segnato dalle luci sull’albero di Natale della città.

“Un passo importante è stato fatto nello sviluppo di Pevek come nuova capitale energetica della regione”, ha affermato Andrei Petrov, CEO di Rosenergoatom (parte di Rosatom). Allo stesso tempo, secondo Petrov, rappresenta anche un cambiamento significativo nello sviluppo di Pevek come futuro hub della rotta marittima settentrionale e come base per lo sviluppo della Chukotka occidentale.

Fonte : si.rbth.com

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.