Salvare il sistema alimentare globale

Reading Time: 2 minutes read

L’istituto di politica indipendente Chatham House ha pubblicato il documento di ricerca intitolato Impatti sul sistema alimentare sulla perdita di biodiversità , la scorsa settimana. Esplora il ruolo del sistema alimentare globale – e dell’agricoltura animale, in particolare – nel guidare l’estinzione della fauna selvatica.

Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) ha sostenuto la ricerca. Il sistema alimentare globale è la principale causa di perdita di biodiversità in tutto il mondo e il passaggio a diete a base vegetale sarà cruciale per limitare i danni.

Secondo la Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), l’agricoltura minaccia 24.000 delle 28.000 specie documentate finora come a rischio – circa l’86%.

Il nuovo documento delinea le varie sfide e requisiti della riprogettazione del nostro sistema alimentare per proteggere la biodiversità. Presenta inoltre raccomandazioni chiave ai governi e ai responsabili politici.

La creazione di un sistema alimentare più sostenibile inizia incoraggiando un cambiamento globale verso una dieta a base vegetale. Ciò è dovuto all’impatto sproporzionato dell’agricoltura animale sulla biodiversità, sull’uso del suolo e dell’acqua e sulle sue significative emissioni di gas serra.

Il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) sostiene anche la produzione e il consumo di alimenti a base vegetale per aiutare a mitigare la crisi climatica. E gli studi dimostrano che un passaggio globale a una dieta vegana potrebbe aiutare a nutrire fino a 10 miliardi di persone in tutto il mondo. Inoltre, il nuovo rapporto suggerisce il ripristino di ecosistemi nativi su terreni agricoli inutilizzati e / o l’integrazione di sacche di habitat naturale nei terreni agricoli in uso.

Un numero crescente di prove evidenzia in modo specifico il ruolo che le siepi svolgono nell’unire aree agricole frammentate nel Regno Unito e la creazione anche di piccole nuove aree di habitat naturale per la fauna selvatica contribuirebbe a promuovere in modo significativo la biodiversità.

L’allontanamento dall’agricoltura renderebbe inoltre disponibili ulteriori aree di protezione. L’industria attualmente utilizza oltre l’80% di tutti i terreni agricoli globali. Pur accettando una resa delle colture ridotta e un’agricoltura più sostenibile, si ridurrebbe l’impatto della produzione alimentare in generale sulla terra stessa.

Il rapporto richiede che, entrando nel 2021, i responsabili delle decisioni internazionali diano la priorità alla creazione di un sistema alimentare a supporto della biodiversità come parte di una ripresa verde dalla pandemia di coronavirus (COVID-19).

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.