San Francisco, Strutture militari sepolte sotto il penitenziario di Alcatraz?

Reading Time: 1 minute read

Un team di archeologi ha svelato nuove prove della storia militare, spesso trascurata, di questa isola della baia di San Francisco: Alcatraz. Nello studio, pubblicato sulla rivista Near Surface Geophysics, i ricercatori hanno utilizzato tecnologie non invasive per verificare l’esistenza su una fortificazione costiera del XIX secolo, straordinariamente ben conservata, che si trova sotto le rovine di questo famigerato penitenziario federale.

Il lavoro conferma che, mentre la costruzione della prigione nei primi anni del 1900 distrusse gran parte dell’ex installazione militare, diverse strutture furono sepolte più o meno intatte, consacrando un frammento critico del colorato passato di Alcatraz.

L’isola di Alcatraz, prima del 1800, era una sterile striscia di terra con una popolazione di uccelli marini. In seguito il governo degli Stati Uniti guardò allo sperone roccioso come una potenziale base militare, per proteggere la nuova città dall’invasione straniera.

Quando la prigione dell’isola fu eretta intorno al volgere del 20 ° secolo, rimasero poche prove fisiche della sua architettura precedente.

Fonti varie

Photo courtesy by kerranelamassa.fi

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.