Sant’ Ugo Canefri da Genova, Religioso Ordine di Malta

Reading Time: 1 minute read

Canefri nacque probabilmente nel 1148 dalla famiglia alessandrina dei conti Canefri, signori di Gamondio – l’attuale Castellazzo Bormida -, Fresonara e Borgo Rovereto. Partecipò alla terza crociata assieme a Corrado del Monferrato ed a Guala Bicchieri console di Vercelli.

Entrò nell’Ordine dei Cavalieri Gerosolimitani di San Giovanni, oggi Sovrano militare ordine di Malta, e, poco più che ventenne, fu destinato all’Ospedale della Commenda di San Giovanni di Pré a Genova. Abbandonò così l’armatura per vestire il camice di infermiere. Prestò servizio per oltre cinquant’anni.

La tradizione gli attribuisce diversi miracoli legati all’acqua: far scaturire una sorgente da una roccia per permettere alle lavandaie di lavare gli indumenti degli ammalati poveri; tramutare l’acqua in vino; salvare una nave in pericolo di naufragio.

Poco dopo la morte, avvenuta nel 1233 verso gli 85 anni – se lo si considera nato nel 1148 -, la causa di canonizzazione venne istruita dall’arcivescovo di Genova Ottone Ghilini, per incarico di papa Gregorio IX.

Fonte : Wikipedia

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.