Scavi israeliani, scoperto grande tesoro monete oro islamiche

Reading Time: 1 minute read

Gli archeologi israeliani hanno annunciato lunedì la scoperta di un tesoro di antiche monete d’oro islamiche trovate durante i recenti scavi di salvataggio vicino alla città centrale di Yavne.

La collezione di 425 monete d’oro complete, la maggior parte risalenti al periodo abbaside circa 1.100 anni fa, è stata una scoperta “estremamente rara”, hanno detto in una dichiarazione congiunta gli archeologi delle autorità israeliane delle Antichità Liat Nadav-Ziv ed Elie Haddad.

Il tesoro, che è stato portato alla luce da giovani volontari, includeva anche centinaia di ritagli più piccoli di monete d’oro che sarebbero serviti come tagli più piccoli.

Robert Kool, un esperto di monete presso l’autorità delle antichità, ha detto che una prima analisi indica che le monete risalgono alla fine del IX secolo, considerata l’età d’oro del Califfato abbaside che controllava la maggior parte del Vicino Oriente e del Nord Africa.

La scoperta è stata tra le più grandi cache di monete antiche trovate in Israele. Nel 2015, i subacquei dilettanti hanno trovato circa 2.000 monete d’oro al largo della costa dell’antica città portuale di Cesarea risalenti al periodo fatimide nel X e XI secolo.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.