Shell acuisce obiettivo del 2050 di emissioni zero

Reading Time: 2 minutes read

Il gigante dell’energia Royal Dutch Shell ha promesso di eliminare le emissioni nette di carbonio entro il 2050, aumentando le sue ambizioni rispetto agli obiettivi precedenti, poiché la sua produzione di petrolio diminuisce rispetto al picco del 2019.

L’azienda anglo-olandese è nel bel mezzo della sua più grande revisione mentre si prepara ad espandere le sue energie rinnovabili e le sue attività a basse emissioni di carbonio di fronte alla crescente pressione degli investitori nel settore del petrolio e del gas per combattere il cambiamento climatico.

Lo scorso anno Shell ha definito un piano per raggiungere lo zero netto entro il 2050, in linea con l’accordo sul clima di Parigi e le ambizioni dell’Unione europea, ma ha affermato che l’obiettivo dipendeva dai suoi clienti.

In un aggiornamento della strategia giovedì, Shell ha delineato i piani per ridurre le sue emissioni attraverso la rapida crescita delle sue attività a basse emissioni di carbonio, compresi i biocarburanti e l’idrogeno, sebbene la spesa rimarrà orientata verso petrolio e gas nel prossimo futuro. Gli investitori hanno accolto con favore gli obiettivi aggiornati.

Gli azionisti hanno un voto consultivo sul piano di transizione di Shell all’assemblea generale di quest’anno, una novità assoluta nel settore, ha aggiunto Matthews. Sebbene tali voti non sarebbero vincolanti, gli investitori li vedono come un meccanismo per ritenere la direzione pubblicamente responsabile dei propri progressi nel raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni. Le azioni Shell sono scese dell’1,9% alle 1142 GMT a 1337 pence, trascinando l’indice FTSE 100.

Storicamente, i progetti petroliferi hanno fornito un ritorno sull’investimento di almeno il 15%, mentre gli sviluppatori di energie rinnovabili si aspettano il 6% -9%, ma Shell e BP hanno affermato che le loro complesse unità di marketing e scambio possono aumentare i rendimenti rinnovabili a circa il 10%.

La strategia di Shell è di continuare a dipendere dalla sua attività di vendita al dettaglio, la più grande al mondo. Ha l’obiettivo di aumentare il numero di siti a 55.000 entro il 2025 dagli attuali 46.000 e aumentare il numero di punti di ricarica per veicoli elettrici a 500.000 da 60.000 attuali.

Van Beurden ha detto che Shell mira a vendere 560 terrawattora di energia all’anno entro il 2030, raddoppiando i volumi attuali, ma ha detto che è troppo presto per dire quanto di questo proverrebbe dalla propria capacità. Non ha delineato piani per aumentare la sua capacità di generazione di energia solare ed eolica, segnando una differenza rispetto ai concorrenti, come BP e Total, che mirano a rafforzare la loro proprietà di parchi eolici fisici e solari.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.