Shipping e Catene di approvvigionamento, Logistica post-COVID

Reading Time: 1 minute read

Molte aziende hanno apportato cambiamenti radicali alle loro catene di approvvigionamento man mano che le abitudini di acquisto dei consumatori sono cambiate. Molte aziende si chiedono ora se queste alterazioni nel comportamento di acquisto saranno permanenti e cosa ciò significhi per le loro catene di approvvigionamento.

La ricerca del NatWest Group conclude che poco meno di un terzo (32%) dei consumatori ritiene che le proprie abitudini di acquisto cambieranno in modo permanente come impatto diretto di COVID-19.

Una percentuale maggiore (40%) di 45-54 anni ritiene che sia così. E non sorprende che la motivazione per un cambiamento comportamentale più permanente verso lo shopping online sia stata più forte per le famiglie più abbienti, in particolare per quelle di età compresa tra i 25 e i 44 anni.

Il modo in cui le nuove catene di fornitura stanno costruendo le aziende in questo momento utilizzano la tecnologia è fondamentale.

Le catene di approvvigionamento che devono essere costruite oggi sono una reazione all’anno passato, quando la vendita al dettaglio – online e offline – è stata trasformata. Anche il comportamento dei consumatori è cambiato radicalmente.

Resta da vedere se questo cambiamento comportamentale sarà permanente. Quello che è certo, tuttavia, è che le catene di approvvigionamento non saranno mai più le stesse.

Magazzini digitali, fabbriche connesse, ordini automatizzati, intelligenza dei consumatori interconnessa basata sull’intelligenza artificiale faranno tutti parte delle nuove catene di approvvigionamento che devono essere costruite. Le intuizioni predittive stanno già cambiando il modo in cui è organizzata la logistica.

E gli impatti etici e di sostenibilità delle catene di approvvigionamento sono diventati un elemento di differenziazione fondamentale per molti consumatori. Questi aspetti della catena di approvvigionamento non possono essere ignorati.

In effetti, anche se le imprese che tengono conto dell’impatto delle loro catene di approvvigionamento sull’ambiente saranno ambite dai consumatori e data la loro lealtà commerciale.

Fonte nel testo

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.