Singapore, Ministro Affari esteri chiede riforma tecnologica globale

Reading Time: 1 minute read

Il ministero degli affari esteri di Singapore, Vivian Balakrishnan, ha invitato le organizzazioni globali come le Nazioni Unite (ONU) e l’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) a riformarsi, in modo che le norme internazionali siano in linea con la sicurezza informatica e altri sviluppi digitali.

La fiducia globale degli utenti è importante onde evitare che viene erosa dagli obblighi contrattuali nell’esportazione di beni e la circolazione delle persone.

A livello globale, governi, aziende e individui devono essere in grado di effettuare transazioni e trasferire dati in modo sicuro oltre confine.

La necessità per il mondo di sviluppare un “cyberspazio affidabile, aperto e inclusivo” deve essere sostenuto dal diritto internazionale e dalle norme di comportamento responsabile dello Stato, ha affermato il ministro.

Sotto questo aspetto, ha osservato il Ministro, Singapore ha sostenuto la Roadmap per la cooperazione digitale del Segretario generale delle Nazioni Unite.

Le regole dell’organizzazione del commercio internazionale sono state progettate per un’economia mondiale basata sull’agricoltura e sulla produzione, ma queste oggi nell’era tecnologica sono obsolete.

“La governance internazionale, ora più che mai, deve essere più rappresentativa, più inclusiva e più aperta. Dobbiamo prendere in considerazione un ampio spettro di opinioni e fare di più per riconoscere la ricca diversità della nostra comunità globale”, ha affermato il MInistro di SIngapore.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.