Siria, Giornalista ucciso dai bombardamenti turchi su convogli civili

Reading Time: 1 minute read

I convogli civili hanno preso d’assalto le forze turche in Siria domenica (13/10), lasciando morti almeno 26 civili. “Eravamo nel convoglio di civili curdi presi di mira dalle forze turche e dai loro alleati a Ras al-Ain. Il nostro team sta bene, ma i nostri colleghi sono morti “, ha scritto Stephanie Pérez, giornalista di France Télévisions , sul suo account Twitter.

I jet turchi hanno colpito un convoglio diretto da Cizire a Serekaniye.

I primi rapporti dicono che l’attacco aereo ha lasciato molte persone morte o ferite. Anche i giornalisti di Francia e Brasile sono nel convoglio di destinazione. pic.twitter.com/LfJlmfrkbZ – Firat News Agency (@anfenglish) 13 ottobre 2019

Inizialmente, l’Osservatorio siriano per i diritti umani ha parlato di un giornalista morto, ma non è stato in grado di fornire alcun dettaglio.

Tuttavia, secondo i media internazionali, il giornalista Saad Ahmed corrispondente ANHA, è stato colui che ha perso la vita.

In cinque giorni, almeno 104 combattenti curdi, oltre a una sessantina di civili, sono stati uccisi in ostilità, secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio. Gli scontri hanno causato la morte di 130.000 persone, secondo le Nazioni Unite.

fonte
newsbomb.gr

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.