Sostenere le giornaliste in Afghanistan

Reading Time: 1 minute read

Le giornaliste afghane sono in crisi. Dopo l’acquisizione talebana del paese il mese scorso, sono state costrette a lasciare il lavoro ed a rimanere a casa. Altre sono state molestate.

Secondo Reporter Sans Frontières (RSF), solo 39 delle 700 giornaliste di Kabul stanno ancora lavorando.

Nel tentativo di solidarietà e offrire sostegno ai loro colleghi afgani, membri del NWMI (Network of Women in Media, India) hanno formato l’iniziativa Giornalisti per l’Afghanistan e ora stanno raccogliendo fondi.

In collaborazione con The Associated Press, che ha consentito l’uso di immagini dalla loro copertura in Afghanistan, e The Media Safety & Solidarity Fund (MSSF), sono avvenute raccolte vendendo immagini che offrivano brevi scorci sulla vita quotidiana dell’Afghanistan per oltre due decenni.

Ogni stampa era in vendita per $ 100 e tutti i proventi sono andati a sostenere le giornaliste in Afghanistan – sia che per trovare case sicure, evacuazioni, ricostruzione di piccole start-up mediatiche, insediamento in nuovi paesi o trovare modi per continuare a raccontare le loro storie nel loro proprie voci.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.