Stati Uniti, Aumento esponenziale acquisto armi personali

Reading Time: 1 minute read

Il Federal Bureau of Investigation (FBI) ha elaborato 3,7 milioni di richieste sul National Instant Criminal Background Check System (NICS) dai rivenditori di armi da fuoco federali. Le cifre per i controlli, in background ,fungono solo da proxy per le vendite, ma forniscono i numeri più vicini disponibili per gli acquisti di armi da fuoco negli Stati Uniti.

I dati di marzo sono stati i più alti da quando NICS è stato lanciato nel 1998 e sono stati 1,1 milioni in più rispetto allo stesso mese nel 2019.

Le persone, soprattutto i proprietari di armi da fuoco per la prima volta, hanno un senso di disagio e vogliono ottenere armi per proteggersi, con il rilascio di alcuni prigionieri a causa del coronavirus e i timori di forze di polizia eccessivamente sollecitate nei prossimi mesi durante un periodo di panico.

Molti dei nuovi acquirenti di armi non avevano nemmeno preso in considerazione l’acquisto di una pistola, nemmeno poche settimane fa. Questi sono acquisti di panico indotti da COVID e un senso di cosa succede se le cose cadono davvero a pezzi. Non c’è immunizzazione per quella pistola che ora è seduta nella casa di quella persona.

Fonte locale

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.