Stati Uniti, Doping sportivo internazionale una legge per combatterlo

Reading Time: 2 minutes read

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato un disegno di legge che conferisce alle autorità statunitensi il potere di perseguire le persone responsabili del doping in competizioni sportive internazionali che coinvolgono atleti, sponsor o emittenti americani.

Trump ha firmato il Rodchenkov Act, che in precedenza ha approvato il Congresso, il 4 dicembre 2020 nonostante l’opposizione internazionale, inclusa l’Agenzia mondiale antidoping (WADA).

La legge, che prende il nome dall’informatore Grigory Rodchenkov, che ha sollevato il coperchio sul doping sponsorizzato dallo stato in Russia, autorizza i pubblici ministeri statunitensi a chiedere multe fino a 1 milione di dollari e pene detentive fino a 10 anni, nonché la restituzione alle vittime.

La WADA, che ha l’autorità di sanzionare gli atleti per doping, ha espresso preoccupazione per la legislazione, avvertendola che potrebbe portare a un mosaico di leggi che indeboliscono il principio di avere un insieme di regole per tutti gli atleti in tutto il mondo.

Il Comitato Olimpico Internazionale ha anche messo in dubbio il motivo per cui gli atleti professionisti e universitari americani sono esenti.

L’Agenzia antidoping degli Stati Uniti (USADA) ha affermato che non era necessario includere nella legislazione gli sport professionistici e universitari statunitensi poiché la legge esistente consente il loro perseguimento.

Rodchenkov, l’ex capo del laboratorio nazionale antidoping russo a Mosca, ha denunciato una cospirazione contro il doping sostenuta dallo stato progettata per coprire gli imbrogli della Russia alle Olimpiadi invernali di Sochi 2014 e ad altri eventi.

Rodchenkov è fuggito negli Stati Uniti nel 2016 e ha fornito prove della cospirazione contro il doping alla WADA.

Un rapporto indipendente della WADA ha confermato le accuse, portando a divieti parziali per la Russia alle Olimpiadi di Rio 2016 e alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang 2018.

I pubblici ministeri russi hanno accusato Rodchenkov di essere in gran parte responsabile dello scandalo.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.